Sede legale Via Scipio Slataper, 3 00197 Roma | P.Iva/C.F. 12177141004
Gabriella Silvestri -  Fabio Avaro - Enzo Casertano in UnperCento punizione ad affetto di Francesco Stella regia di Valerio Groppa
Via Umbertide, 3 - Roma - Tel. 06.785.06.26               custodito del teatro
La   matassa   della   vicenda   si   dipana,   fra   equivoci,   malintesi,   interruzioni,   dubbi   e   giochi   di   enigmistica mostrando   il   valore   e   la   potenza   dei   buoni   sentimenti.   Hans   e   Sesto ,   non   potrebbero   essere   più   diversi per   struttura   fisica,   passioni,   scelte   di   vita,   interessi   e   sensibilità.   Il   loro   incontro   avviene   all’interno della   stanza   46,      al   settimo   piano   della   clinica   San   Gaetano   a   Roma,   dove   sono   stati   portati   da   un invito    comunicato    loro    tramite    una    lettera    riservatissima,    ma    anonima,    arrivata    a    mezzo    di raccomandata   con   ricevuta   di   ritorno.   Il   perché   di   questa   convocazione   diverrà   evidente   al   pubblico solo   al   termine   dello   spettacolo,   quando   le   tessere   del   mosaico   verranno   messe   al   loro   posto   dalla signora Anna. Hans    è   un   bidello,   anzi   un   operatore   scolastico,   o   per   meglio   dire   “un   allenatore   in   seconda”,   che viene   da   Napoli.   E’   un   uomo   mite,   sposato   con   l’asfissiante   Marisa   ed   ha   un   figlio,   il   quattordicenne Francesco,   promessa   del   calcio   italiano.   Sesto ,   invece,   è   un   esuberante   chiacchierone   residente   in   una zona   non   proprio   altolocata   di   Roma   Sud,   è   un   ex   talento   del   mondo   del   pallone   con   una   carriera stroncata   da   un   infortunio   al   crociato.   Convive   con   Patrizia   ed   alimenta   la   sua   passione   di   tifoso dedicandosi ai piccoli sportivi, in particolare alla categoria dei pulcini. Andare   all’appuntamento,   previsto   per   le   dodici,   e   ritrovarsi   fianco   a   fianco   con   un   estraneo,   e soprattutto    con    una    bara    di    chissà    quale    sconosciuto,    è    l’occasione    per    parlare    delle    tante sfaccettature   dell’animo   umano,   ma   anche   per   mettere   a   confronto   due   comicità   -   quella   romana   e quella napoletana - nel bel mezzo di una situazione aggrovigliata che tarda a svelarsi.