Sede legale Via Scipio Slataper, 3 00197 Roma | P.Iva/C.F. 12177141004
Gianluca Ramazzotti per GINEVRA MEDIA PROD SRL presenta ANTONIO CATANIA MAURIZIO MATTIOLI con NICOLAS VAPORIDIS e la partecipazione straordinaria di GABRIELLA SILVESTRI in L’OPERAZIONE IN BARCA A VELA CONTROMANO Scritto e diretto da  STEFANO REALI Scene Carlo De Marino Costumi Mara Gentile Disegno Luci Stefano Lattavo Direzione tecnica Stefano Orsini Roma, Estate 1990. Un grande ospedale romano Nel   luglio   caldissimo   di   quell'anno,   nelle   "notti   magiche"   in   cui   infuria   la   passione   per   i   mondiali   di calcio,   Massimo,   un   ragazzone   sui   trentacinque   anni,   grazie   ad   una   raccomandazione,   riesce   a   farsi ricoverare nel reparto Ortopedia. Massimo   deve   sottoporsi   ad   una   operazione   quasi   "voluttuaria",   la   ricostruzione   dei   legamenti   del ginocchio,   altrimenti   dovrà   smettere   di   giocare   al   calcio,   la   sua   passione.   Ma   la   presenza   del   suo compagno   di   stanza   Luigi,   un   lungodegente   "veterano"   dell   'ospedale,   lo   induce   a   riflettere   sulla futilità   del   suo   caso:   Luigi,   profondo   conoscitore   delle   regole   del   gioco   del   microcosmo   ospedaliero,   gli racconta   delle   sofferenze   delle   centinaia   di   pazienti   che   non   potendo   permettersi   una   clinica   privata sono costretti ad aspettare anche degli anni , in lista d'attesa, prima che si liberi un posto letto. In   più   la   tragica   situazione   dello   stesso   Luigi,   costretto   a   letto   da   sette   anni   con   le   gambe   straziate   da ripetuti   e   vani   interventi   chirurgici,   inocula   lentamente   a   Massimo   dei   dubbi   sul   buon   esito   del   suo intervento, al punto da farlo esitare sull 'opportunità di operarsi. Ma   chi   è   Luigi,   in   realtà?   E'   veramente   malato   come   sembra,   o   è   un   simulatore   che   ha   trovato   vitto   ed alloggio   sine   die   a   spese   dello   stato,   come   sostiene   il   dottor   Cupreo,   giovane   e   rampante   chirurgo ortopedico, che non vede l'ora di operarlo, per scoprire la verità? E   chi   è   Massimo,   in   realtà?   Com'   è   riuscito   a   farsi   ricoverare   in   ospedale,   scavalcando   tutta   la   lista   d 'attesa, per farsi fare un 'operazione che in clinica privata costerebbe decine di milioni di lire di allora? In   realtà,   Luigi   è   un   "venditore   di   letti"   di   professione;   uno   che   sfrutta   la   sua   malattia,   con   la complicità   di   un   infermiere,      per   spaventare   i   neoricoverati   ed   indurli   a   rinunciare   all   'operazione,   in maniera da poter poi "rivendere" il posto letto liberatosi ai pazienti in lista d'attesa.  Ed   anche   stavolta,   l'operazione   sembra   che   gli   stia   andando   bene,   a   Luigi:   Massimo   vacilla,   non   è   più tanto sicuro di volersi operare. Ma   Luigi   non   sa   che   Massimo,   in   realtà,   non   ha   affatto   bisogno   di   essere   operato   al   ginocchio:   perché non   è   un   paziente,   è   un   medico   mandato   dalla   Direzione   Sanitaria   con   il   compito   di   prendere   con   le mani   nel   sacco      il   "venditore   di   letti".   Laureato   in   medicina,   ma   disoccupato,   a   Massimo   è   stato   offerto un   lavoro   in   ospedale   se   riesce   a   smascherare   Luigi.   Anche   se   gli   ripugna   fare   la   spia,   è   la   sua   unica possibilità di essere assunto nella ASL dove da anni lavora come precario non pagato. Tormentato   dai   suoi   dubbi,   Massimo   si   accorge   che   i   disperati   con   cui   entra   in   contatto   non   hanno   la possibilità   di   "sdegnarsi"   per   lo   sfascio   delle   situazioni   in   cui   vivono,   per   il   semplice   motivo   che   essi devono,    innanzitutto,    sopravvivere.    A    causa    della    sua    lunghissima    degenza,    Luigi    è    diventato praticamente un boss, in grado di intimorire lo stesso personale paramedico. Luigi   trova   simpatico   Massimo,   lo   crede   un   ingenuo,   un   buono,   e   comincia   lentamente   ad   aprirsi,   a confidargli,   le   regole   del   gioco   che   governano   la   vita   interna   di   ogni   reparto   d'ospedale.   Non   si   rende conto   che   sta   parlando   con   l'unica   persona   che   gli   potrebbe   usare   contro   tutto   quello   che   gli   sta rivelando.   Ma   forse   il   bisogno   di   amicizia   di   un   uomo   come   Luigi,      che   è   riuscito   a   tenere   nascosto   a tanti   un   tumore   alle   ossa   che   gli   lascia   ormai   poco   da   vivere,   è   più   forte   anche   del   rischio   di   essere scoperto. Ma sarà poi vero, che è condannato? O anche questo fa parte dell 'imbroglio? Massimo   non   sa   più   da   che   parte   girarsi,   sa   solo   che   deve   mettere   nel   sacco   quell   'uomo,   se   vuole lavorare.  Il problema è che quell'uomo gli è simpatico….     Dal Teatro al Cinema, e poi ancora a Teatro. Questo   testo   nasce   nel   1989,   come   atto   unico   a   tre   personaggi,   dal   titolo   "Operazione",   all'interno della   rassegna:   "Attori   in   cerca   d'autore",   diretta   da   Ennio   Coltorti,   ed   è   stato   rappresentato,   nella   sua versione   più   lunga,   in   due   tempi,   più   volte   dal   1991   al   1994   in   Italia,   e   all'estero.   In   particolare   è   stato messo   in   scena   in   Inghilterra   dal   commediografo   inglese Alan Ayckbourne,   ed   ha   vinto   il   prestigioso   “Be Bold Award”   come   miglior   testo   straniero   nel   1993.      Dalla   commedia,   ho   tratto   un   film,   da   me   scritto   e diretto,   distribuito   da   Medusa   nel   1997,   dal   titolo   "In   Barca   a   Vela   Contromano",   interpretato   da Valerio Mastandrea, Antonio Catania, Maurizio Mattioli e Emanuela Rossi. La   fortuna   di   questo   testo,   semiautobiografico,   forse   dovuta   anche   al   suo   mix   di   tragedia   e   commedia brillante,   e   ai   suoi   continui   colpi   di   scena,   è   durata   negli   anni,   ma   soprattutto   nella   memoria   delle persone, più a lungo di quanto non ci si potesse aspettare. È   perciò   con   particolare   soddisfazione   che   ho   accolto   l'offerta   di   Gianluca   Ramazzotti   di   rimettere   in scena il testo, conservando ben due protagonisti dell'operazione cinematografica di vent'anni fa. Fin   da   quando   è   stato   scritto,   In   Barca   a   Vela   Contromano      non   voleva   essere   solo   un   testo,   peraltro profetico,   sui   problemi   della   malasanità.   È   piuttosto   una   storia   di   amicizia,   di   tradimenti,   di   slealtà, ma anche di generosità inaspettate. E   di   un   certo   modo   di   fare   italico,   che   può   essere   riassunto   sul   motto   che   Longanesi   sosteneva   essere impresso sulla bandiera italiana: "Tengo Famiglia". Un   motto   che   sembra   governare   il   modo   di   fare   italico   da   sempre.   Ma   che   però,   a   volte,      può   generare delle sorprese inaspettate... Curriculum Vitae di  Stefano Reali Diplomato in Regia e Sceneggiatura al Centro Sperimentale di Cinematografia nel 1980. Nel   1982   è   assistente   alla   regia   in   "C'   ERA   UNA   VOLTA   IN   AMERICA"   di   Sergio   Leone.      Nel   1985   è sceneggiatore   e   regista   (insieme   a   P.Quartullo)   di   "EXIT",   cortometraggio   prodotto   da   RAIUNO   che ottiene    una    NOMINATION   ALL    'OSCAR    1997,    nella    categoria    "Best    Live    Short    Film".        Nel    1988    è sceneggiatore   e   regista   del   film   "LAGGIU'   NELLA   GIUNGLA",   terna   al   David   di   Donatello   come   Miglior Regista   Esordiente.   Nel   1993   scrive   e   dirige   il   film   TV   "UNA   STORIA   ITALIANA",   interpretato   da   Giuliano Gemma,   Sabrina   Ferilli,   e   Raoul   Bova,   ispirato   alle   imprese   dei   fratelli   Abbagnale.   Il   film   ha   vinto   il premio speciale della giuria al 33° Festival di Montecarlo.  Reali   ha   messo   in   scena,   come   regista,   anche   opere   liriche   (tra   cui   delle   prime   esecuzioni   assolute, come    “DESCRIZIONE    DELL’ISOLA    FERDINANDEA”,    di    Francesco    Pennisi,    ma    anche        "CAVALLERIA RUSTICANA", di Mascagni, e "IL TABARRO", di Puccini nel 1988), ed è autore e regista di teatro.  La   sua   commedia   "OPERAZIONE"   ,   ripresa   più   volte   dal   1991   al   1994   in   Italia,   è   stata   messa   in   scena   in Inghilterra   dal   commediografo   inglese   Alan   Ayckbourne,   ed   ha   vinto   il   prestigioso   “Be   Bold   Award” come miglior testo straniero nel 1993. Adattando   la   sua   stessa   commedia,   nel   1997   Reali   scrive   e   dirige   "IN   BARCA A   VELA   CONTROMANO",   un lungometraggio    per    il    cinema,    interpretato    da    Valerio    Mastandrea,   Antonio    Catania,    e    Maurizio Mattioli, prodotto da Maurizio Totti per la Colorado film e distribuito da Medusa. Nel   1998   Reali   dirige   il   tv   movie   epico-religioso   "IL   QUARTO   RE",   scritto   con   Enzo   De   Caro   e   Enrico Medioli,   interpretato   da   Raoul   Bova,   Maria   Grazia   Cucinotta,   Billy   Dee   Williams,   e   prodotto   dalla Titanus, in collaborazione con Beta Taurus, e Mediaset.  Nel   novembre   1998   scrive   e   dirige   il   film   TV      "ULTIMO"      interpretato   da   Raoul   Bova,   Ricky   Menphis, Giorgio Tirabassi,   Mariano   Rigillo,   Emilio   Bonucci,   Pino   Caruso.      Musiche      di Andrea   ed   Ennio   Morricone, record di ascolti televisivi. Nel   2002,   scrive   e   dirige   per   il   cinema   “IL   TRAMITE”,   con   Maurizio   Mattioli,   vincendo   il   primo   premio assoluto   al   Festival   di   Sorrento,   e   il   premio   del   pubblico   nel   festival   internazionale   del   Salento.   Il   film è stato distribuito negli Stati Uniti, con il titolo “Without Coscience”. Dal   2001   ha   scritto   e   diretto   i   seguenti   film   televisivi:   “LE   ALI   DELLA   VITA”   prima   e   seconda   parte,     (2002)   con   Sabrina   Ferilli   e   Virna   Lisi,   record   di   ascolti   televisivo,   “I   COLORI   DELLA      VITA”   (2003)   con Alessandra   Martinez,   Nancy   Brilli,   Gabriel   Garko,   Giovanna   Ralli,   Jean   Sorel),   “L’UOMO   SBAGLIATO”, (2005)   con   Beppe   Fiorello,   altro   record   di   ascolti   televisivo,   “ERAVAMO   SOLO   MILLE”,   (2006)   con Daniele   Pecci,   Cristiane   Filangieri,   e   David   Coco,   “LA   TERZA   VERITA’”   (2007)   con   Enzo   Decaro   e   Bianca Guaccero,   “AL   DI   LA   DEL   LAGO”,   (2008)      con   Kaspar   Capparoni,      e   “LO   SCANDALO   DELLA   BANCA ROMANA”   (2010)   con   Beppe   Fiorello   e   Lando   Buzzanca,   in   onda   su   RAIUNO.         Quest’ultimo   ha   vinto   il prestigioso   Fipa   D’Or   come   Migliore   Sceneggiatura   e   il   Fipa   d’Argent   come   Miglior   Film   al   Festival Internazionale   dell’Audiovisivo   di   Biarritz.   Di   tutti   questi   film   Reali   ha   anche   composto   e   orchestrato   la colonna   sonora.   Nel   2011   Reali   scrive   e   dirige   “COME   UN   DELFINO”,   miniserie   in   due   puntate   messa   in onda   su   Canale   5,   interpretata   da   Raoul   Bova.   Nel   2012   Reali   scrive   e   dirige   il   filmTV   in   due   puntate: “CARUSO,   LA   VOCE   DELL’AMORE”,   biopic   sul   celebre   tenore   napoletano,      andato   in   onda   in   prima serata il 23 e il 24 settembre su Raiuno.   NOTE SUL TESTO  di Stefano Reali "Operazione"   è   una   commedia   nata   casualmente,   nell   'inverno   1989.   Ero   ricoverato   in   un   grande ospedale   romano   per   un   'operazione   al   ginocchio.   Così   come   nessuno   di   noi   si   accorge   di   quante migliaia   di   cose   fa   con   la   propria   mano   fino   al   giorno   in   cui   non   se   la   rompe,   non   avevo   mai immaginato   quale   potesse   essere   la   realtà   di   un   ospedale,   fino   a   che   non   l'   ho   potuta   vedere   da   vicino. E   non   intendo   qui   parlare   delle   manchevolezze   del   sistema   sanitario   pubblico,      io   voglio   parlare proprio   dei   rapporti   vitali   che   si   creano   tra   le   persone   che   sono   costrette   a   vivere         in   un   ospedale,   a volte per dei periodi molto lunghi. Un   ospedale   è   un   posto   in   cui   scorre   del   sangue,   un   posto   in   cui   si   è   a   contatto   con   la   morte   e   con   la sofferenza   molto   più   che   altrove.      In   più   è   un   servizio   gratuito   ,      un   servizio   che   lo   stato   mette   a disposizione   dei   suoi   cittadini:   quindi   un   'occasione   dove   fioriscono   tutte   le   conseguenze   inevitabili quando   c'   è   una   torta   da   spartirsi:   mercati   neri,   raccomandazioni,   assunzioni   "pilotate",   eccessi   di sindacalismo,   boicottaggi   del   personale,   pressioni,   violenze,   “nonnismo”   ,         e   prepotenze   di   ogni genere. Insomma,   la   vita   in   comune   della   corsia   ospedaliera   è   un   condensato,   un      microcosmo   di   ciò   che   la società   è   fuori.      Una   clinica   privata,   per   esempio,   con   le   sue   stanze   asettiche,   con   i   suoi   tempi rapidissimi   di   ricovero   e   dimissione,   non   potrà   mai   essere   sem-plicemente   un   "ospedale   a   pagamento", perché manca il contatto   tra i malati. Quel   contatto   che   invece,   in   un   ospedale,      c’è   sempre.      E   a   volte,   ti   permette   anche   di   imparare   delle cose. Non sulla salute, ma sulla Vita. Il   reparto   ortopedia,   in   questo,      è   speciale.      A   viverci   per   un   po’   si   scopre   che   non   ricorda   affatto   il reparto   di   un   ospedale.   E’   piuttosto   un   qualcosa   che   sta   tra   una   trincea,      la   cella   di   una   prigione,   e   la camerata di una caserma militare.  I rapporti che si stabiliscono tra i malati sono rapporti di forza. E   questo   perché   in   genere   i   degenti   non   sono   “veramente   malati”.      Sono   piuttosto   imprigionati         dalla loro immobilità, e proprio a causa di questo semmai sono ancora più vitali e furiosi.  Nei    reparti    ortopedia    di    tutti    gli    ospedali    del    mondo    imperversa    la    legge    della    giungla:    forza, prepotenza,   violenza   ai   danni   del   più   debole.   C’è   chi   pensa   che   la   comicità,   nella   sua   forma   più   pura, nasce sempre dalla violenza, basta pensare ai cattivi dei film di Chaplin.  Ma   dove   c’è   spazio   per   la   violenza,   e   quindi   per   la   prepotenza,      a   volte   c‘è   spazio   anche   per   la Generosità.      Possiamo   vederla   spuntare,   inaspettata,   come   un   fiore   tra   le   ceneri.      E   nascendo   in   un contesto come quello, possiamo scommettere che si tratta di generosità autentica.  E’   in   questi   casi,   con   l   ‘aiuto   della   generosità   di   chi   gli   sta   vicino,      che   il   più   debole   può   fortificarsi.     Perché   è   solo   in   questi   casi   che   il   più   debole   ha   la   necessità   di   lottare.      Potrà   vincere   o   perdere,   ma questo   non   ha   molta   importanza.      Quello   che   è   importante   è   che   potrà   misurarsi      finalmente   con   stesso,   e   potrà   sapere   quanto   vale.      E   quindi,   sia   che   vinca   sia   che   perda,   potrà   lasciare   il   campo   a testa alta.  Che è poi quello che conta di più.
Via Umbertide, 3 - Roma - Tel. 06.785.06.26               custodito del teatro
Acquista on-line